davide buscaglia

Identità Velate

In un mondo di persone trova la tua forma.

Identità Velate è un'esperienza artistica con valore terapeutico.
Le persone hanno partecipato al progetto consapevoli che durante l’esperienza avrebbero indossato un lenzuolo, che avrei condotto una meditazione e che avrei scattato alcune fotografie.
Non sapevano altro.
Una volta tolto il lenzuolo ogni partecipante ha avuto la possibilità di condividere i feedback dando via all’esplorazione dei vissuti emersi durante l’esperienza e al significato di ciascuno di essi, incontrando l’opportunità di conoscere qualcosa di nuovo su di sé e sul proprio modo di essere. Questa delicata e intensa fase, insieme alla meditazione e agli esercizi di percezione corporea, sono stati sostenuti dalla mia formazione in psicoterapia della Gestalt.
La forma fotografica che l’opera ha preso nell’insieme deriva invece dalla necessità di restituire l’immagine di un’esperienza condivisa, corporea, relazionale ma anche profondamente individuale.

Identità velate continua.
Per info, collaborazioni e per partecipare all’esperienza contattami via mail.
Progetto proposto in occasione del festival Balla coi cinghiali, manifestazione che da oltre 10 anni promuove musica, arte, cultura, sostenibilità ambientale e solidarietà.
da sx: #613 #337 #809 #083 #941 #607 #003 #547 #191 #347 #007 #457 #461 #137 #257 #859 #002 #011 #013 #017 #503 #019 #023 #029 #031 #401 #523 #541 #211 #223 #227 #907

___

Identità Velate is an artistic experience with a therapeutic value.
People who took part in the project were aware that during the experience they would have worn a bed sheet, that I would have conduct a meditation and that I would have taken some photos. They did not know anything else. Once the sheet was removed, each participant shared feedback, exploring the feelings that emerged during the experience and the meaning of each of them, meeting the opportunity to know something new about themselves and their own way of being. This delicate and intense phase, along with meditation and body contact exercises, was supported by my training in Gestalt psychotherapy. The photographic form that the work has taken as a whole comes from the need to give back the image of a shared, bodily, relational but also profoundly individual experience.

32 images | slideshow

loading